Italia, la Polizia vuole le pallottole di gomma per gestire l’ordine pubblico In Spagna vengono usate nonostante abbiano causato feriti gravi negli scorsi anni

indignados_roma_15OL’Associazione nazionale funzionari di Polizia (Anfp) ha presentato oggi, nell’ambito della presentazione del libro “Dieci anni di ordine pubblico, focus sulle manifestazioni politiche, sindacali e sportive”, alcune richieste al Governo che sono destinate a far discutere. Ha criticato la gestione dell’ordine pubblico fino ad ora, chiedendo che vengano introdotte nuove armi, più moderne ed “efficaci”.

La richiesta più discussa è l‘introduzione delle pallottole di gomma. Una tecnica usata dai reparti antisommossa in Spagna, e che negli scorsi anni ha lasciato feriti gravi, spesso con la perdita di un occhio.

Le altre richieste prevedono l’istituzione di una task force ‘antisommossa’ altamente specializzata, che abbia maggiore agilità di movimento nei contesti critici, l’utilizzo di scudi “più moderni e leggeri e al tempo stesso più resistenti” rispetto a quelli usati oggi, e l’introduzione almeno in maniera sperimentale di fucili marcatori che sparano pallottole in grado di lasciare un segno colorato sui manifestanti, permettendone l’identificazione. Fra le richieste anche un rafforzamento delle difese degli agenti impegnati in piazza, con protezioni antipetardi ed uniformi paracolpi. Inoltre viene richiesta l’introduzione di manganelli più resistenti, i Tonfa.

Fino a quando queste richieste non saranno accolte, l’Associazione dei Funzionari di Polizia respinge in modo categorico l’introduzione dei numeri identificativi sulle divise. Una richiesta che viene fatta da tempo, specie dalle vittime di pestaggi durante il G8 di Genova o in altre situazioni di scontri fra manifestanti e Polizia.

Redazione El Itañol

Redazione El Itañol

"El Itagnol" è un sito dedicato alla Spagna e all'Italia. Ci occupiamo di attualità, ambiente, cultura, viaggi. Su "El Itagnol" si trovano anche informazioni pratiche e consigli per chi si muove fra questi due paesi, per viaggio o per viverci
Redazione El Itañol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *