Spagna, il socialista Pedro Sanchez parla per un’ora e mezzo al Congreso: o me o Rajoy

spagna marzo 2016

La prima pagina del quotidiano spagnolo El Pais, 2 marzo 2016

MADRID. Pedro Sánchez, segretario generale del PSOE (partito socialista spagnolo), ha parlato oggi pomeriggio per circa 90 minuti davanti ai deputati del Congreso, per chiedere la fiducia e formare così quello che definisce un “governo del cambiamento”.

Pedro Sanchez è stato incaricato dal Re Felipe VI il 3 febbraio scorso, ma fin dal giorno dell’incarico l’operazione di creare un governo è risultata in salita. Dopo aver trattato per settimane con i partiti di sinistra (in particolar modo Podemos), ha sfoderato a sorpresa un patto con il partito centrista Ciudadanos. Proprio su questo patto ha basato il discorso di oggi, chiedendo la fiducia del Parlamento.

“O me, o Rajoy”

Pedro sanchez si è rivolto in particolare a Podemos, il partito di Pablo Iglesias, che ha già annunciato il “no” alla fiducia ma i cui voti sarebbero determinanti per la fiducia. PSOE e Ciudadanos non hanno infatti la maggioranza. Pedro Sanchez ha elencato i punti del suo patto cercando di convincere Podemos ad appoggiarlo. La sinistra non ha avuto i numeri per governare, è stato il ragionamento del leader socialista, pertanto bisogna trovare delle soluzioni intermedie che escludano la possibilità di un nuovo governo del PP. “O me, o Rajoy”, è stato il discorso di fondo del leader socialista, per mettere con le spalle al muro la giovane formazione di sinistra.

Redazione El Itañol

Redazione El Itañol

El Itagnol è il sito di attualità, notizie di ambiente, cultura e tanto altro dall'Italia e dalla Spagna
Redazione El Itañol

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *